DaVinci Salute è diventato Elty! Gli stessi servizi in clinica ed online, in una veste nuova. LEGGI DI PIÙ

Neutrofili: cosa sono, come leggere i valori e quando preoccuparsi

Revisionato da: Elty~March 18, 2024
6 minuti

Neutrofili: cosa sono e a cosa servono

Con il termine neutrofili si intende la tipologia di globuli bianchi o leucociti che viene prodotta nel midollo osseo e che è preposta alla difesa dell’organismo contro infezioni e infiammazioni di tipo batterico. Hanno una durata di vita breve, durante la quale però riescono a scovare e ad eliminare, tramite il processo chiamato fagocitosi, un quantitativo compreso tra i 5 ed i 10 batteri nocivi per il nostro organismo. Vengono chiamati neutrofili in quanto non hanno nessuna tipologia di colorante e per questo vengono definiti neutri.

I granulociti neutrofili sono i globuli bianchi maggiormente presenti nel sangue ed hanno la capacità di riconoscere e di raggiungere la zona colpita da un’infezione, inglobare i virus e i batteri esterni presenti al fine di ucciderli tramite il processo noto come fagocitosi. Hanno una durata di vita di uno o massimo due giorni nei tessuti mentre nel sangue durano poche ore e per questo il midollo osseo ne produce in enorme quantità ogni giorno. La loro funzione maggiore è quella di inglobare ed eliminare i microrganismi patogeni per il nostro organismo.

I granulociti neutrofili sono di grande importanza per la difesa contro batteri e funghi, ma anche per medicare le lesioni, per questo non devono mai essere presenti in numero ridotto nel nostro organismo, il quale altrimenti rischia seriamente di essere esposto alle infezioni con maggiore facilità. Solitamente nel nostro organismo abbiamo a disposizione tra i 1500 ed i 7000 neutrofili per millimetro cubo, ma questo può dipendere anche dal sesso e dall’età del soggetto.

Se vengono rilevati valori troppo bassi di neutrofili dalle analisi del sangue significa che nel paziente i granulociti neutrofili sono inferiori ai 1500 per millimetro cubo, in questo caso si parla di neutropenia, che può presentarsi in maniera lieve oppure grave. Il paziente che ha una quantità inferiore di 1500 neutrofili per millimetro cubo vede aumentare in modo esponenziale la possibilità di infettarsi, necessitando anche di una cura con antibiotico.

Quando si soffre di neutropenia aumenta notevolmente la possibilità di subire infezioni a causa dell’indebolimento del nostro sistema immunitario: può essere sia congenita sia scaturita da cause come l’alcolismo o l’assunzione di farmaci, o ancora derivante da effetti collaterali provocati dalle chemioterapie o da una sottoproduzione da parte del nostro corpo a causa di tumori.

Con il termine neutrofilia si intende invece quando viene rilevato un quantitativo eccessivo di neutrofili rispetto ai valori normali, dovuto a cause quali l’uso di determinati farmaci, dallo stress o anche da infezioni e malattie batteriche. Anche parassiti, virus e funghi possono aumentare solitamente il numero dei granulociti neutrofili presenti nel corpo di una persona.

Al pari dei neutrofili, i linfociti fanno parte dei globuli bianchi che vengo generati dal midollo osseo. Se in contemporanea si registrano linfociti alti e neutrofili bassi non è necessario preoccuparsi particolarmente, in quanto un eccesso di produzione dei linfociti può ricollegarsi ad una situazione nella quale il nostro organismo subisce un attacco magari da parte di un virus influenzale, ma anche può essere causato da un banale mal di gola e altre situazioni che provocano quindi una produzione maggiore dei linfociti.

Neutrofili alti e neutrofili bassi: rischi e sintomi più frequenti

Quando i neutrofili sono bassi e quindi inferiori a 1500 per millimetro cubo, si parla di neutropenia, la quale non arreca precisi sintomi e che viene quindi scoperta da chi ne è affetto soltanto al momento del manifestarsi di un’infezione.

Quando il paziente ha i neutrofili eccessivamente bassi può subire ed essere esposto a gravi infezioni batteriche o soffrire anche di infezioni ricorrenti ed essere dunque costretto a ricorrere ad uno abituale uso degli antibiotici.

Il numero dei neutrofili può però anche aumentare rispetto alla norma e quindi in questa circostanza si parla di neutrofili alti. I neutrofili possono aumentare a seguito di lesioni o ustioni ed anche l’utilizzo di specifici farmaci può essere causa dell’innalzamento del numero dei neutrofili così come le infezioni.

Solitamente l’innalzarsi del numero dei neutrofili, che viene detto leucocitosi, è sintomo che il nostro sistema immunitario sta agendo in maniera sana contro virus o infezioni. Nella maggior parte dei casi l’aumento dei neutrofili non causa grossi rischi, che sono dunque commisurati ai motivi che hanno portato lo svilupparsi dell’aumento dei neutrofili. Se però l’aumento è causato da quei tumori che colpiscono la pelle derivanti dallo svilupparsi delle linee di cellule mieloidi e linfoidi, allora i rischi aumentano notevolmente. La neutrofilia è nella maggior parte dei casi priva di sintomi.

Questi i principali sintomi che possono scaturire da una quantità minore o superiore di neutrofili rispetto ai valori normali.

  • Febbre

  • Infezioni frequenti o anomale

  • Tonsillite

  • Sinusite

  • Ascessi cutanei

  • Tosse

Neutrofili alti e neutrofili bassi: quando preoccuparsi e cause

Quando i neutrofili sono bassi l’organismo è più facilmente vulnerabile alle infezioni come per esempio la mononucleosi, il morbillo o la varicella che provocano una riduzione dei neutrofili così come il tifo. In tal caso è necessario seguire le prescrizioni di uno specialista ed agire in maniera tempestiva.

Se invece nei nostri valori si registrano neutrofili alti, quando preoccuparsi? Nella maggior parte dei casi non c’è nulla di seriamente pericoloso. Anche un periodo di stress, un ictus, dormire poche ore a notte o l’uso di farmaci può provocare l’aumento dei neutrofili. Le donne in gravidanza ad esempio vedranno aumentare il numero dei neutrofili, che però non deve destare particolare apprensione in quanto il corpo ne produce in quantità maggiore perché sotto stress.

I neutrofili alti sono altresì causati da un normale processo del nostro organismo che tramite i neutrofili combatte le sostante estranee e quindi sono gli eventi come le infezioni causate da funghi o batteri che il nostro corpo per ostacolarle ed eliminarle produce un quantitativo maggiore di neutrofili.

Tramite la nostra piattaforma Elty è possibile, dopo aver eseguito le analisi del sangue, far esaminare il loro esito ad uno dei nostri qualificati medici online che potrà stabilire se sia o meno il caso di allarmarsi e procedere con ulteriori accertamenti.

Neutrofili alti e neutrofili bassi: cura e rimedi online

Partiamo con il dire che una giusta attività fisica abbinata ad uno stile di vita nel quale si evitano alcool e fumo sono sicuramente indicati per mantenere dei valori adeguati dei neutrofili. In caso di neutrofili bassi può capitare che il medico ci consigli l’utilizzo di antibiotici, di vitamine o la somministrazione di farmaci specifici a seconda della malattia che ha causato l’abbassamento del numero dei neutrofili. In casi estremi, se si soffre di neutrofili bassi, può essere necessario un trapianto di midollo osseo.

Se si riscontrano valori troppo alti di neutrofili, le analisi del sangue sono consigliate per verificare potenziali patologie, ma nei casi di lieve entità non necessitano di alcun tipo di cura. Dopo aver svolto le analisi del sangue è necessario che il nostro medico analizzi i valori attentamente per capire se una quantità eccessiva di neutrofili può essere causata da una malattia presente nel nostro corpo. Una volta scoperta la patologia di cui soffriamo il medico potrà consigliarci come intervenire in maniera specifica.

Il personale medico della piattaforma Elty è perfettamente attrezzato nel caso si desideri effettuare un consulto medico online in tempi brevi. Puoi prenotare il teleconsulto dal tuo pc o dispositivo mobile, senza bisogno di spostamenti lunghi e spese extra: sarà sufficiente collegarti direttamente da casa tua mediante l’utilizzo di una connessione e di una webcam.