DaVinci Salute è diventato Elty! Gli stessi servizi in clinica ed online, in una veste nuova. LEGGI DI PIÙ

Pap test: cosa è, come funziona e quando farlo

Elty
Revisionato da: Elty~March 13, 2024
7 minuti

Pap test: cosa è e a cosa serve

Il Pap test - noto anche come test di Papanicolaou in onore del medico greco-americano che lo ha sviluppato nei primi del ‘900 - rappresenta un esame citologico che permette di analizzare le cellule prelevate dal collo dell’utero, al fine di identificare eventuali anomalie che possano suggerire un rischio di cancro cervicale.

La sua importanza è comprovata dalla capacità di individuare alterazioni cellulari, anche in fasi precoci, consentendo quindi un intervento tempestivo da parte degli specialisti. Nonostante la sua utilità possa sembrare orientata unicamente verso l’analisi oncologica, il Pap test permette anche di rilevare infezioni o alterazioni della flora batterica vaginale, contribuendo ad un approfondito screening ginecologico.

L’introduzione del Pap test in Italia - avviata dal professor Mario Tortora nel 1953 - si è rivelata indispensabile per tutte quante le donne appartenenti alla nostra popolazione, in quanto si tratta di una delle più affidabili procedure preventive per poter scovare eventuali patologie e contrastare l’insorgenza o il peggioramento, inoltre rappresenta al giorno d’oggi un gesto di responsabilità e attenzione nei confronti della propria salute e del proprio benessere. 

Ma esattamente il Pap test a cosa serve? Spieghiamolo in poche e semplici parole in modo che possa capirlo chiunque. È un esame che serve a rivelare precoci anomalie, infezioni o alterazioni cellulari del collo dell’utero che potrebbero evolvere in cancro cervicale. Di conseguenza, una diagnosi fatta per tempo, aumenta le possibilità di prevenire il peggioramento della malattia e permette di intervenire tempestivamente.

Si tratta comunque di un test veloce e non particolarmente invasivo, che al massimo può provocare un leggero fastidio nelle ore successive all’esame. Gli esperti raccomandano di iniziare a farlo a 21 anni e di ripeterlo a intervalli regolari. Il Pap test può in alcuni casi generare falsi negativi nonostante l’effettiva presenza di un tumore. La specificità del test è di circa il 98%, per cui nel 2% dei casi il risultato positivo dell’esame non viene confermato da successive analisi.

Il Pap test si pone dunque come un fondamentale strumento di monitoraggio nella prevenzione del tumore della cervice uterina, una patologia che, se diagnosticata in tempi ragionevoli, può essere gestita con successo. La consapevolezza e l’informazione su questo tipo di esame diventano di conseguenza essenziali per ogni donna e rappresentano un potente alleato nel preservare la propria integrità fisica.

Elty permette ai propri utenti di prenotare una visita per un Pap test da effettuare presso una struttura convenzionata. Una volta eseguito l’esame è possibile mettersi in contatto con il proprio medico di fiducia su Elty per ricevere subito un riscontro sull’esito del Pap Test e un consiglio su come eventualmente comportarsi in seguito.

Pap test: come funziona

Il Pap test viene realizzato attraverso il prelievo di cellule dal collo dell’utero, che vengono successivamente analizzate al microscopio per evidenziare eventuali alterazioni. 

Durante l’esame, la paziente viene posizionata in maniera tale da permettere al medico di inserire un cosiddetto speculum vaginale, strumento che facilita l’accesso al collo dell’utero. Il materiale cellulare raccolto viene poi inviato in laboratorio dove, mediante procedure citologiche, si procede all’analisi delle cellule. I risultati, che saranno disponibili generalmente entro poche settimane, saranno poi discussi con il medico che valuterà attentamente e consiglierà eventuali passaggi successivi da svolgere.

Ricorda sempre che la prevenzione è fondamentale per la tua salute ed effettuare regolarmente controlli ginecologici aderendo ai programmi di screening è fondamentale per evitare complicazioni potenzialmente pericolose e per combattere con efficacia malattie già in fase di sviluppo.

Prenota il tuo prossimo Pap Test

Cerca la prestazione medica di cui hai bisogno.

Pap test: quando farlo e in base a quali sintomi

Il Pap test è generalmente raccomandato per le donne a partire dai 21 anni di età ed è consigliabile farlo ad intervalli regolari (generalmente ogni 3 anni) per tutta la vita riproduttiva e anche oltre, secondo quelle che sono le indicazioni del proprio medico di fiducia o del ginecologo

Nonostante non esistano sintomi specifici che richiedano la realizzazione del Pap test, dato che il test stesso è un intervento preventivo, alcuni segnali o campanelli d’allarme come sanguinamenti fuori dal normale ciclo mestruale o dopo i rapporti sessuali, dolore pelvico persistente o perdite anomale, devono sempre essere comunicati al medico e possono portare alla decisione di anticipare l’esecuzione del test. 

È essenziale sottolineare che la periodicità del test può variare in base alla storia clinica e alle esigenze individuali, pertanto il dialogo costante con il proprio ginecologo risulta fondamentale.

Ora vediamo, attraverso un semplice e comodo elenco, in base a quali sintomi più frequenti conviene fare immediatamente il Pap test:

- Sanguinamento vaginale fuori dal normale ciclo mestruale;

- Sanguinamento dopo rapporti sessuali;

- Sanguinamento successivo alla menopausa;

- Secrezioni vaginali anomale;

- Dolore pelvico non associato al ciclo mestruale;

- Dolore durante i rapporti sessuali;

- Prurito o bruciore persistente alla vagina;

- Presenza di verruche situate nella zona genitale

Pap test positivo: cause

In caso di Pap test positivo le cause possono essere numerose e riguardano in particolare la presenza di cellule anomale nel collo dell’utero, che potrebbero talvolta essere indice di infezioni o condizioni precancerose.

Vediamo ora le principali cause di Pap test positivo, non tutte sono necessariamente legate a condizioni gravi o maligne:

- Infezioni: le infezioni, tipo il virus del papilloma umano, possono provocare alterazioni cellulari che vengono evidenziate chiaramente se è un Pap test positivo;

- Infiammazioni: le infiammazioni o irritazioni del collo dell’utero possono causare in alcuni casi falsi positivi o rilevare anomalie cellulari;

- Condizioni precancerose: la presenza di cellule anomale possono evolversi in futuro in un cancro, se non trattate o monitorate adeguatamente;

- Cancro cervicale: in rari casi, il Pap test positivo può indicare la presenza di cellule cancerogene.

Dottori che lavorano insieme

Vorresti parlare con un medico?

Ottieni un mese di chat illimitata con un medico a te dedicato

Scopri adesso

Pap test: quanto costa e quanto dura

Il Pap test può essere effettuato gratuitamente nell’ambito dei programmi di screening organizzati dalle Regioni italiane, o privatamente in laboratori o studi medici, con un costo che può variare in base alla struttura scelta. 

Diciamo che mediamente un Pap test costa 15 euro se svolto in una struttura sanitaria pubblica, ma è gratuito per le donne tra i 21 e i 64 anni che non ne hanno effettuato uno nei tre anni precedenti. In una clinica privata invece il costo del Pap test aumenta e si aggira tra i 25 euro e i 30 euro, anche se in alcuni casi può raggiungere i 50€.

Il test è rapido, generalmente della durata di pochi minuti, e non richiede preparazioni particolari. La raccolta delle cellule, effettuata mediante un piccolo strumento denominato spatola di Ayre o una spazzola, non è dolorosa, anche se alcune donne possono avvertire un lieve fastidio o piccole perdite nei giorni successivi al prelievo.

FAQ Pap test: le risposte alle domande più frequenti

Quali infezioni rileva il Pap test?
Il Pap test è focalizzato principalmente sulla rilevazione di anomalie cellulari del collo dell’utero, ma anche sull’individuazione indiretta di numerose infezioni. Come quella da papilloma virus umano (HPV), un virus strettamente correlato al cancro cervicale. Altre infezioni, come candida o Trichomonas, potrebbero emergere a seconda delle circostanze, anche se non è questo l’obiettivo principale dell'esame.

Quando fare il Pap test?

In Italia, le linee guida consigliano di effettuare il Pap test a partire dai 21 anni e fino ai 64 anni di età, con una periodicità che può variare a seconda della Regione e dei protocolli adottati. In generale, dopo due esiti negativi consecutivi a distanza di un anno, si prosegue con la screening ogni tre anni.

A cosa serve il Pap test?

L’obiettivo principale del Pap test è la prevenzione del cancro cervicale attraverso la rilevazione precoce di alterazioni cellulari potenzialmente dannose. La possibilità di identificare in una fase iniziale le anomalie permette, nella maggior parte dei casi, un intervento tempestivo che eviti l’evoluzione verso forme tumorali.

Cos’è il Pap test?

Il Pap test, il cui nome deriva dal medico Georgios Papanicolaou, è un esame ginecologico utilizzato prevalentemente per il rilevamento precoce delle alterazioni cellulari del collo dell’utero che potrebbero evolvere in un tumore. Non va dimenticato che il Pap test ha permesso una significativa riduzione dell’incidenza e della mortalità da carcinoma cervicale grazie alla sua capacità di identificare le lesioni precancerose.

Quando il Pap test è positivo?

Un Pap test è considerato positivo quando vengono identificate cellule anomale nel campione prelevato dal collo dell’utero. Questo non indica necessariamente la presenza di un cancro, ma segnala la necessità di ulteriori approfondimenti, come la colposcopia o la biopsia, per comprendere la natura delle alterazioni riscontrate.

Che significa Pap test positivo?

Un risultato positivo del Pap test suggerisce la presenza di anomalie cellulari, che possono spaziare da lievi disfunzioni a situazioni più preoccupanti e potenzialmente precancerose. È però doveroso sottolineare che un risultato positivo non è per forza sinonimo di diagnosi di cancro, ma più che altro un campanello d’allarme che richiede ulteriori accertamenti.

Quanto costa fare un pap test da un ginecologo privato?

I costi per effettuare un Pap test in uno studio ginecologico privato in Italia possono variare sensibilmente in base alla Regione e al professionista scelto. Si può generalmente affermare che il prezzo varia da un minimo di 25 euro fino a un massimo di 50 euro, ma è sempre consigliabile rivolgersi direttamente presso lo studio medico per avere un’informazione più accurata e aggiornata. Se invece ci si reca in una struttura ospedaliera pubblica il costo medio è di 15€.

Prenota il tuo prossimo Pap Test

Cerca la prestazione medica di cui hai bisogno.